Curiosità … dal mondo

8 marzo, Giornata Internazionale della Donna: #EachforEqual

È passato più di un secolo dalla celebrazione della prima Giornata Internazionale della Donna. I semi di questa ricorrenza erano già stati gettati a New York nel 1908, quando quindicimila operaie tessili avevano invaso le strade per chiedere giorni lavorativi più brevi, un salario migliore e il diritto di voto. L’anno seguente, il Partito Socialista americano dichiarò l’ultima domenica di febbraio la giornata dedicata alle manifestazioni in favore del suffragio femminile. Nel 1910, l’idea di fare di questa celebrazione una ricorrenza internazionale fu rilanciata dalla socialista tedesca Clara Zetkin nel corso della Conferenza Internazionale delle donne lavoratrici a Copenhagen, e nel 1911 – 109 anni fa – si celebrò la prima Giornata Internazionale della Donna in Austria, Danimarca, Germania e Svizzera. La scelta dell’8 marzo come data si sarebbe affermata con il tempo.

Sfida collettiva.

Il tema della Giornata Internazionale della Donna 2020 è #EachforEqual: il compito di demolire stereotipi di genere e pregiudizi inconsapevoli, di allargare lo sguardo alle varie condizioni femminili, di valorizzare il lavoro delle donne e migliorarne l’esercizio dei diritti non spetta alle donne soltanto, ma a tutti. Ciascuno con le proprie azioni individuali, con un continuo esercizio nelle conversazioni, nei comportamenti e nel modo di ragionare può avere un impatto positivo sulla società e aiutare a costruire un mondo basato sull’equità di genere. Siamo ancora molto lontani dal poterci fermare, come vi mostriamo nelle prossime immagini.

Sottorappresentate.

Le animazioni che vedete sono tratte da unwomen.org, l’Ente delle Nazioni Unite per l’uguaglianza di genere e le politiche per la crescita e la partecipazione delle donne (empowerment), che ha lanciato la campagna Generation Equality: l’obiettivo è una mobilitazione globale per porre fine alla violenza di genere e chiedere a gran voce giustizia economica e rispetto dei diritti, l’autonomia nelle scelte sessuali e riproduttive e la giustizia climatica (poiché sono le donne che pagano più spesso, e in prima persona, le conseguenze dei cambiamenti climatici). La partecipazione femminile piena in tutti i settori del vivere comune sembrerebbe un’ovvietà, ed è essenziale per lo sviluppo di società più sane, solide e inclusive. Eppure dalla politica alla scienza, passando per lo sport, le donne sono ancora poco rappresentate.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Wordpress Social Share Plugin powered by Ultimatelysocial