In albis depositis

Carissimi parrocchiani Buona Domenica. Oggi è la seconda domenica di Pasqua, chiamata  anche la domenica “In albis depositis” perché gli adulti battezzati nella solenne Veglia Pasquale indossavano vesti bianche e le portavano per tutta la settimana dell’Ottava di Pasqua, fino alla domenica successiva, detta perciò domenica in cui si deponevano le bianche vesti. Ma oggi è anche la Domenica della Divina Misericordia. Questa festa fu  istituita da San Giovanni Paolo II° venti anni fa, il 30 aprile dell’anno santo del 2000. In quel giorno Giovanni Paolo II° proclamò santa  Suor Maria Faustina Kovalska, religiosapolacca, appartenente alla congregazione delle Suore della Beata Vergine Maria della Misericordia, propagatrice della devozione a Gesù misericordioso.  Ed è proprio la Divina Misericordia che accomuna San Giovanni Paolo II° con l’attuale Papa Francesco. Il Papa polacco aveva scritto l’enciclica “Dives in misericordia” e il Papa argentino ha scritto il libro “Il nome di Dio è Misericordia” oltre ad avere proclamato il giubileo della misericordia nel 2015-2016. Nei giorni che hanno preceduto la Pasqua, Papa Francesco ci ha fatto il dono di una indulgenza plenaria straordinaria riversando sull’umanità colpita dalla pandemia l’amore misericordioso del Padre che ci perdona e viene in nostro aiuto. Noi tutti possiamo diventare veri missionari della divina misericordia solo se abbiamo la consapevolezza di essere stati noi stessi oggetto della misericordia da parte del Signore e di continuare ad esserlo. Il Signore ci invita ad essere misericordiosi come è misericordioso il Padre nostro che è nei cieli, in una parola ci invita ad amare gli altri come Lui ci ama

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Wordpress Social Share Plugin powered by Ultimatelysocial